venerdì 19 novembre 2010

Storie di vita quotidiana

VECCHIETTO : t'ses fol (1) ?
AITOR : scusa ?
VECCHIETTO : as fa nen parei (2)...
AITOR : e fallo tu allora, avanti.

Il vecchietto si alza, sputa per terra, si avvicina prende il martello dalla parte della punta, appoggia l'asse al muro un colpo secco e via il chiodo.

VECCHIETTO : te vist.. picciu (3) !!
AITOR : il muro era appena verniciato...
VECCHIETTO : a le 'n travai d'un can (4)...
AITOR : cosa ?
VECCHIETTO : ma te non sei de nostri vero ?
AITOR : sono nato a Torino ma non sono piemontese, ma ti capisco quando parli.
VECCHIETTO : chi ha verniciato sto muro è un cane, non vedi che fa schifo.
AITOR : e grazie al cazzo guarda che sbrego che hai fatto.
VECCHIETTO : mi a l'hai fat propi niente (5) !
AITOR : ce l'hai il tabacco per pipa ?
VECCHIETTO : boia faus, a l'han ciulamlu (6)...
AITOR : andiamo a comprarlo prima che arrivi qualcuno e mi faccia riverniciare il muro.

In tabaccheria.


AITOR : quale vuoi ?
VECCHIETO : cul rus (7)..
AITOR : vorrei del tabacco per pipa, quello nella bustina rossa.
TABACCAIO : ecco 7 euro e 50.
AITOR : grazie..
VECCHIETTO : t'ses an brau fiol (8)...
AITOR : torniamo al centro, fumi la pipa e non fai danni chiaro ?

Centro anziani.

DIRETTRICE : tocca riverniciare, altri soldi sai chi è stato..
AITOR : eh.. stavo togliendo il parquet
VECCHIETO : africa, e le nen stat chiel... l'e stat il moru (9)
DIRETTRICE : chi ?
AITOR : il mio collega ANTONIO, viene da Legnano, lo chiama cosi perchè non capisce il piemontese.
VECCHIETTO : guarda che anche lei non è dei nostri, ma a lei non ci dico niente perchè senno mi toglie il tabacco da pipa.
DIRETTRICE : a proposito, e quello ? Chi ti ha dato il tabacco da pipa ?
AITOR : GERARDO il mio collega, e lui che gliel'ha portato...
VECCHIETTO : arlu si, ats nen tan fol!

Il vecchietto si risiede sulla sua panchina aspirando dalla sua pipa, quella con cui aveva fatto le due guerre. La direttrice comincia a imprecare contro quel posto dimenticato da Dio e di cui lei doveva occuparsi di tutto. Aitor avvisa al cellulare il suo collega Antonio, che nel pomeriggio avrebbe dovuto imbiancare di nuovo la parete.



(1) Sei matto ?
(2) Non si fa cosi !
(3) Hai visto scemo ?
(4) Un lavoro fatto da cani.
(5) IO on ho fatto proprio niente.
(6) me lo hanno fregato.
(7) quello rosso
(8) sei un bravo ragazzo
(9) non è stato lui è stato il moro (inteso moro di capelli)
(10) guardalo, alla fine non sei poi tanto stupido.

6 commenti:

  1. Le traduzioni mi hanno fatta morire!!
    Ma t'ses fol?

    RispondiElimina
  2. Bravissimo, è un post fichissimo, senza inutili descrizioni, dritto al punto ma tremendamente efficace.

    RispondiElimina
  3. @ MR TAMBOURINE : grazie mille :-)

    RispondiElimina